Attenzione
Sta utilizzando un browser non attuale che probabilmente non puó essere supportato da questo sito . Si consiglia di utilizzare un browser moderno.

Le domande piú frequenti sulla distillazione

Inserito da 07.11.2013 12:18 ora

Ogni giorno riceviamo moltissime email dai nostri clienti contenenti domande sul tema distillazione, siano esse riguardo a distillati alcolici o di oli essenziali.

Se volete saperne di piú, qui di seguito vi propongo le domande piú frequenti con la corrispettiva risposta che vi potrá essere di aiuto anche nel vostro caso.

1. Che qualitá ha il rame che l´acciaio non ha? Come si pulisce un alambicco in rame?

Il rame é un materiale con molte qualitá tra cui:

la forte conducibilitá termica (ció evita una bruciatura del mosto durante la distillazione); é un materiale malleabile (puó essere lavorato senza sforzi eccessivi); é resistente contro vapori aggressivi che si vengono a formare durante la distillazione; reagisce ad acidi solforici e aiuta a neutralizzare il distillato; l´alcol stabilizza il suo aroma attraverso il rame e ció rende l´aroma del distillato piú intenso.

Pulizia esterna: ci sono vari spray adatti per la pulizia esterna dell´alambicco. Shampoo apposta per la pulizia del materiale che si possono trovare sul mercato ma anche facilmente in internet. Consiglio: per mantenere il colore del rame naturale consigliamo l´utilizzo del ketchup in modo moderato.

Pulizia interna: il metodo tradizionale prevede una miscela di acqua e farina di segale. Altrimenti si puó usare del sale per la lavastoviglie e mescolarlo con acqua tiepida, poi strofinare con uno straccio.

2. Quale alambicco mi consiglierebbe per iniziare con la distillazione?

Ció dipende da vari fattori, per esempio dalla quantitá che si vuole distillare. Un principiante puó per esempio giá cominciare con un alambicco dalla capacitá di 5 litri per poter ottenere qualcosa di piú. Noi disponiamo peró di alambicchi da 0,5 litri, piccoli ma perfettamente funzionanti che per un inizio sono perfetti, o consigliamo anche gli alambicchi compatti, giá compresi di fonte di calore e vari accessori che aiutano nella distillazione; questi ce li abbiamo di 0,5 litri e 2,5 litri.

3. Vorrei iniziare a distillare oli essenziali e non saprei da dove partire.

Per la distillazione di oli essenziali consigliamo sempre un alambicco che sia adatto alla distillazione per corrente di vapore, ovvero che sia completo di vaglio in rame dove poter mettere le piante da distillare che non entrano cosí a contatto con l´acqua presente nella caldaia. Per questo motivo sconsigliamo un alambicco tradizionale e direzioniamo il cliente verso l´alquitara per oli essenziali, l´alambicco a colonna, l´alambicco arabia compatto, l´alambicco Italia etc... Come accessorio extra, per un alambicco di piccola capacitá proponiamo una pipetta per la separazione di olio e idrolato, per un alambicco di piú grandi dimensioni, allora consigliamo il nostro kit completo di tutto.

4. Quanto si ottiene come distillato con un alambicco da 5 litri?

Con 5 litri di mosto con il 12% di percentuale alcolica, otterrete all´incirca 50 ml di testa (che separerete immediatamente), 550-750 ml di cuore e 225 ml di coda (anche questi da separare).

5. Quanto dura una fermentazione?

Ció dipende dal lievito che avete utilizzato, dalla temperatura esterna ed interna, dal tipo di mosto e dalle condizioni igieniche in cui avete lavorato. La temperatura non deve superare i 30°C altrimenti il lievito muore e il mosto dovrá venir gettato. Con il lievito rapido 48H giá si sa che dopo 48 ore il processo é terminato e il mosto (base di acqua e zucchero) ha raggiunto una percentuale alcolica del 14%. Nel caso di mosti di frutta con l´utilizzo di altri lieviti, la fermentazione puó durare varie settimane. L´utilizzo del gorgogliatore vi aiuterá a capire quando finisce il processo, oltre che impedire l´introduzione di batteri nel mosto. Quando finisce di borbottare, la fermentazione sará terminata.